Come ogni 19 settembre che si rispetti a Napoli e un po' dappertutto si aspetta speranzosi e incuriositi "il Miracolo" del sangue che cambia consistenza, che si scioglie nell'ampolla in cui è custodito da circa 1700 anni mentre il cardinale lo ruota mostrandolo ai fedeli.

L'avvenimento ricorre più volte nel corso dell'anno e si dica si ripeta dall'epoca di Costantino I. Fonti più certe individuano nel 1389 il rtrovamento dell'"ampolla". 

quanto pesa il sangue di san gennaro

La leggenda è nota ai più e narra di una donna di nome Eusebia che consegnò, al Vescovo di Napooli l'ampolla con il sangue subito dopo il martirio del Santo che poi divenne patrono di Napoli.

Meno note sono le caratteristiche dell'ampolla e del suo contenuto, da secoli oggetti di illustri studi che ad oggi comunque non hanno smentito quello che la fede popolare ritiene ancora un miracolo di buon auspicio per le sorti della città di Napoli. Alcuni fatti nefasti, come il sisma dell'Irpinia o Il colera sono avvenuti prorio negli anni in cui il sangue non si è sciolto.

Quanto sangue è contenuto nell'ampolla di San Gennaro?

Il contenuto dell'ampolla è stato analizzato intorno all inizio del1900 ed è circa di 30 ml ovvero quasi 32 grammi, SI notò in concomintanza dell'avvenimento miracoloso una variazione di peso nell'ordine addirittura dei 28 grammi;

quantopesailreliquariodisngennaro

 

Quanto pesa il reliquario in cui è contenuto il sangue di San Gennaro?

In realà ci fu un errore di misurazione, il samgue fu pesato nel suo reliquario del peso di circa un chilogrammo, dunque la variazione di peso fu determinata intorno al 3%.

Una curiosità parla dell' "altro miracolo di San Gennaro", si racconta che nella chiesa di Pozzuoli dedicata al Santo ci siano alcune tracce di sangue su una lastra di marmo dove si pensa sia stato fatto mertire che cambiano di colore in concomintanza delle date del miracolo.

DNA 2016