Pasqua è sempre più vicina e non possiamo certo farci cogliere impreparati! Dopo la ricetta delle gustose cozze del periodo prettamente quaresimale, ripercorriamo la storia del rinomato casatiello.

La ricetta del casatiello è leggermente differente da quella del suo gemello eterozigote, l’altrettanto noto tortano, in quanto quest’ultimo viene consumato regolarmente durante tutto l’anno. Simbolo della Pasqua, invece, il casatiello si ripresenta esclusivamente nella festa dedicata alla resurrezione. Com’è evidente, la data di questa celebrazione cambia ogni anno, ma la sua tradizione culinaria, ben radicata nella nostra società, resta sempre la stessa!
Vi è anche una terza ricetta, quella del casatiello vesuviano, leggermente diversa dal casatiello napoletano di cui sopra parlavamo.
In realtà, casatiello e tortano si distinguono per un’ulteriore caratteristica: l’uso delle uova. Nel casatiello le uova vengono inserite con l’intero guscio a metà tra l’impasto e l’esterno; nel tortano esse, invece, dopo essere state rassodate e sgusciate, sono disposte totalmente all’interno dell’impasto.
Ma perché queste diverse disposizioni? In particolare la forma del casatiello (e dunque anche le modalità d’inserimento delle uova), in questo modo, ne spiega bene il consumo prettamente pasquale: esso è simbolo della corona di spine alla quale fu costretto Gesù; in più le uova sono ricoperte da una croce di pasta, proprio a ricordare il martirio da Lui subito. Per essere più precisi, l’uovo in sé simboleggia proprio la resurrezione di Cristo, che rinasce così come il pulcino allo schiudersi del guscio.
E non solo, ma anche altri componenti hanno un legame particolare con il sacro cristiano ed il profano pagano: ad esempio, il pecorino si ottiene con il latte di pecora, di cui si nutre il piccolo di pecora, ovvero l’ agnello, e l’agnello, prima di essere simbolo della carne del Salvatore, era sacrificato agli dei per i loro rituali pagani.
fonte: Vesuviolive

Leggi anche...

M&M's, un successo lungo 75 anni

All'inizio erano senza arachidi e con la scritta di colore nero, c'era anche una versione color senape.

(Le) M&M's e non (Gli) M&M's comparirono per la prima volta nel 1941 da un idea di Forrest Mars (si lo stesso inventore della barretta Mars) e Bruce Murrie da qui l 'acronimo Mars&Murrie (M&M's).

I più letti

I soldi ed il peso

Hai aperto il salvadanaio per organizzare la tua vacanza e sono due giorni che sei li a contare i centesimi?

Hai un'attivita commerciale che la domenica sera ti rinchiude per ore a contare le monete nel retrobottega?

Hai dubbi sull autenticità di una moneta che ti è stata data di resto?

Bene noi possiamo aiutarti.

Il Casatiello: la Pasqua a Napoli

Pasqua è sempre più vicina e non possiamo certo farci cogliere impreparati! Dopo la ricetta delle gustose cozze del periodo prettamente quaresimale, ripercorriamo la storia del rinomato casatiello.

La borsa e le donne.

La borsa è da sempre uno degli accessori preferiti da tutte le donne, per comodità o per moda.

Gli stilisti ogni anno danno sfogo alla propria fantasia per creare sempre nuovi modelli, più o meno stravaganti, più o meno costose e di dimensioni, colori, particolari diversi.

Non mancheranno sicuramente, nei guardaroba di ogni donna di qualsiasi età, i modelli più disparati di borse.

Qual è la bicicletta più leggera in commercio?

Quello appena passato si farà ricordare come l'anno in cui sono state vendute, per la prima volta, più biciclette che automobili.
Che sia per moda, per comodità, per necessità di spostamento la biciciletta rimane un punto saldo della mobilità cittadina e non.
Si va dalle dalle super professionali, costose e performanti bici da corsa a quelle comode da città, magari a pedalata assistita passando per quelle più di tendenza come quelle a scatto fisso.